Default Kit

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

Come nasce la musica del pattinaggio artistico? Perché molti atleti hanno paura delle soluzioni innovative? Come scegliere la giusta melodia “rolling”? Match TV ha discusso di queste e altre domande con la famosa allenatrice Tatyana Tarasova.

La leggendaria Tatyana Anatolyevna ha raccontato come sono stati creati il ​​programma campione “Winter” di Alexei Yagudin e l’hip-hop Daisuke Takahashi sotto “Swan Lake”, e anche qual è l’originalità di “West Side Story” di Moiseeva e Minenkov. Tarasova ha anche spiegato il ruolo della musica nel successo del programma sportivo e ha nominato le migliori, a suo avviso, composizioni degli ultimi anni eseguite sul ghiaccio olimpico.

“PORTARE GLI ATLETI A SERI COMPETIZIONI CON CAPOLAVORI USATI IN PRECEDENZA E’ MOLTO RISCHIOSO”

– Tatyana Anatolyevna, probabilmente vieni spesso consultato sulla musica. Quali domande vengono poste?

– Allenatori e genitori attivi si rivolgono spesso a me per un consiglio: che tipo di musica prendere? Famoso o sconosciuto, classico o moderno? E anche – divertente o drammatico? Dove cercare la musica, quali fonti sono corrette? Chi dovrebbe prendere la decisione finale? E se l’atleta vuole una cosa, i genitori vogliono qualcos’altro e l’allenatore si oppone a entrambi e offre ciò che non gli piace?

Come puoi rispondere seriamente a queste domande?! È necessario conoscere bene il/i pattinatore/i prima di offrire qualcosa, consigliare o nominare opere specifiche. E l’ultima parola dovrebbe sempre spettare all’allenatore. Solo lui sa come risolvere l’intero complesso di compiti sportivi, inclusa la musica, che aiuterà a completare con successo gli elementi, rivelare le capacità artistiche degli atleti e ottenere il riconoscimento pubblico.

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

Tatyana Tarasova / Foto: © RIA Novosti / Alexey Filippov

– Cosa viene creato prima di tutto: la musica o lo scheletro del programma?

— Prima di tutto, mi viene in mente l’idea di un programma o di un ballo. Poi cerco un equivalente musicale per questo. Spesso l’idea viene dalla musica stessa. In generale, la sua ricerca è un processo imprevedibile. A volte cerchi una settimana, un mese o due, ma quello che senti nella tua testa non si trova mai. E a volte senti la musica e subito gridi: “Lo prendiamo!” E la questione è chiusa.

È vero, è successo che una tale decisione si sia rivelata sbagliata sulla pista. Il suono a casa, in macchina o da qualche parte in studio è completamente diverso rispetto alla pista di pattinaggio. E succede che la musica sulla pista di pattinaggio suona alla grande e il tema è buono, ma con compiti sportivi nel suo suono originale – in contraddizione. In questi casi, hai bisogno di un esperto di musica che capisca di cosa abbiamo bisogno e cosa si può fare senza perdere la qualità e il contenuto della musica.

Puoi anche iniziare dallo scheletro del programma finito (ovvero gli elementi arrangiati) senza pensare alla musica. Ma solo se il musicista comprende tutti i compiti tecnici puramente sportivi, la durata degli elementi, le loro caratteristiche e tempi. Questo può avere successo quando parli con un musicista in una lingua che capisce perfettamente, senza molte spiegazioni di ciò che viene detto.

Ho lavorato molto con il compositore Alexander Goldstein, che durante tutta la sua carriera creativa ha dedicato e dedica ancora parte del suo tempo al pattinaggio artistico. È stato il primo musicista professionista a lavorare con i pattinatori, ha portato molte nuove idee, ha ampliato il suo repertorio musicale e ha realizzato un’enorme quantità di musica in tutti i tipi di pattinaggio artistico. Questi programmi hanno vinto i Giochi Olimpici, i Campionati Mondiali ed Europei. Alik ora sta lavorando con il mondo intero. Ma qui gli è stato conferito il titolo di Honored Coach della Federazione Russa per il suo serio contributo al pattinaggio artistico, sebbene si occupi solo di musica.

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

Foto: © Archivio personale di Alexander Goldstein

Ad esempio, Goldstein ha scritto la musica in modo superbo basandosi sullo scheletro del programma breve finito di Daisuke Takahashi, e non è stato necessario cambiare nulla per quanto riguarda i movimenti. Era hip-hop con elementi del tema principale del balletto Il lago dei cigni.

Forse non tutti sanno che Alexander sta ancora lavorando alla musica per Actarus da quando ha iniziato a esibirsi nella danza sul ghiaccio. Quest’anno, insieme a Kana Muramoto, sono diventati i campioni del Giappone. E la coppia si allena con Marina Zueva, con la quale Goldstein ha lavorato, si potrebbe dire, per tutta la sua vita sportiva.

– Descrivi, per favore, il processo di creazione della musica per il pattinaggio artistico dal tuo punto di vista, dal punto di vista di un allenatore. Come selezioni una composizione insieme a un compositore?

– All’inizio noi – allenatori – discutiamo di musica con coreografi e musicisti. Veniamo tutti da mondi creativi diversi, quindi è sempre interessante scambiare impressioni e informazioni con loro. Questo è l’unico modo per trovare e ottenere la giusta soluzione. Naturalmente, anche gli atleti prendono parte a questo.

Una volta che la musica è stata selezionata e tutti sono d’accordo, inizia il processo di collegamento. A volte il processo di modifica della musica non può richiedere più di un’ora. A volte più a lungo, ma comunque veloce. Per un musicista competente non ci sono innumerevoli opzioni: solo una o due sono corrette.

Durante il processo di produzione (e talvolta anche a metà stagione), torniamo con richieste folli per allungare o accorciare alcuni punti del programma. Dobbiamo assolutamente farlo, altrimenti non saremo in grado di pattinare in modo pulito. Per un musicista una richiesta del genere è un disastro, ma lo stesso Goldstein trova sempre soluzioni tali che la musica non ne risenta e nessuno si accorge che l’originale è stato modificato. Ecco perché è un compositore con una ricca esperienza nel cinema e in televisione! E tu in “Bene, aspetta un minuto!” hai visto il suo cognome?

– Ho letto che il programma gratuito “West Side Story” di Irina Moiseeva e Andrey Minenkov è la prima esibizione di pattinaggio artistico su musica di un’opera, con un’unica trama. Come è nata l’idea di questa soluzione?

– Ho sempre voluto fare qualcosa di unificato e allontanarmi dall’allora tradizionale forma di danza libera in tre o quattro parti, dove si combinava musica contrastante, a volte anche di generi diversi. Mi fa piacere che il mondo del pattinaggio artistico abbia accolto positivamente il passaggio dalla forma tradizionale all’idea di una story dance, e ormai anche questa è una tradizione.

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

Irina Moiseeva e Andrey Minenkov / Foto: © RIA Novosti / Yuri Somov

È impossibile spiegare come nasce un’idea. Un bel giorno appare e inizi a rendertene conto. Se l’idea è cattiva, ne consegue rapidamente un vicolo cieco, e se è una buona idea, tutto viene fatto. Ma sedersi e aspettare che arrivi un’idea è sbagliato. Questo, mi sembra, è il risultato di una lunga riflessione su un determinato argomento. Per quanto ricordo, l’idea di un ballo libero sulla musica di West Side Story non è sicuramente una reazione alla visione di un film o di un balletto.

– Raccontaci come è stato creato il leggendario “Inverno” di Alexei Yagudin.

– Allora stavamo lavorando in America, ed è apparso solo un nuovo disco del quartetto femminile “Bond”. Era un suono nuovo e interessante, una combinazione di strumenti a corda classici con un buon ritmo moderno. C’era tutto solo per Yagudin, data la sua forza ed espressività. Lo spettacolo si chiamava “Winter Sun”.

C’erano, ovviamente, un paio di opzioni per le composizioni, ma questa ha vinto. Goldstein ha fatto il montaggio musicale secondo il mio schema degli elementi. Siamo riusciti a creare una nuova coreografia con il famoso “percorso Yagudinskaya”. Lesha non solo ha adempiuto a tutti i compiti che gli erano stati assegnati, ma ne ha anche fatto un capolavoro!

— Hai mai registrato musica appositamente per i tuoi atleti?

– Una volta ho deciso di fare un ballo gratuito per Natasha Bestemyanova e Andrei Bukin sulla musica “Rapsodia su un tema di Paganini” di Sergei Rachmaninov. Ma in qualche modo tutto non ha funzionato correttamente, non si è adattato secondo il nostro piano. Quindi Alexander Goldstein ha realizzato una colonna sonora speciale per noi e mio marito, vincitore del Concorso Tchaikovsky, il pianista Vladimir Krainev, ha registrato brillantemente questo arrangiamento con la All-Union Radio and Television Orchestra. È rimasta alla radio, registrazione di repertorio. E i futuri campioni olimpici Bestemyanova e Bukin hanno fatto un enorme passo avanti e hanno eseguito tutto perfettamente.

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

Natalia Bestemyanova e Andrey Bukin / Foto: © PA Images Archive / Collaboratore / PA Images / Gettyimages.ru

– I pattinatori spesso prendono la stessa musica: Carmen, Rachmaninov, Tchaikovsky, ecc. Perché i giudici danno poco incoraggiamento a soluzioni musicali innovative?

– Se decidi di prendere la musica che qualcuno aveva già – soprattutto molto famosa, eseguita da pattinatori eccezionali – devi essere sicuro almeno al 1000% che verrà eseguita meglio di prima e con una nuova coreografia.

Capisco che non tutti sono capaci di innovazione. Per scopi educativi, puoi ripetere qualcosa per lo sviluppo. Ma portare gli atleti a competizioni serie con capolavori usati in precedenza è molto rischioso. I giudici, ovviamente, sono principalmente impegnati a valutare gli elementi, non sono molto interessati alla musica, ma emotivamente e inconsciamente traggono le loro conclusioni. Forse i giudici non puniscono molto le cose vecchie, ma a volte l’innovazione è incoraggiata, sebbene non abbiano abbastanza influenza per questo.

“Ora molti stanno prendendo, come si suol dire, per “tagliare” la musica. Cosa ne pensi?

– Terribile! Tutti vogliono allenarsi con i migliori allenatori, mettere in scena programmi con i migliori coreografi e pedalare sui migliori pattini e scarponi. La gente spende un sacco di soldi in costumi e all’improvviso… risparmia sulla musica! Oppure si considerano sicuri di sé esperti in una componente così importante del successo come la musica. A molti sembra che sia facile modellare pezzi diversi, ma in realtà ciò richiede una seria educazione, talento e, soprattutto, comprensione del pattinaggio artistico.

Ho visto molti fallimenti di atleti dovuti a francamente analfabeti o, dal punto di vista del pattinaggio artistico, semplicemente musica fatta in modo errato. Perché è così? Le persone semplicemente non ascoltano o non capiscono i propri errori. Coloro che sentono i difetti spesso credono persino che sarà sufficiente con le imperfezioni. E il pubblico sente tutto.

Il paradosso è che il costo della preparazione della musica è all’ultimo posto nel budget annuale degli skater. E se chiedi quanto sia importante la musica nel pattinaggio artistico, la maggior parte la mette in uno dei primi posti. Non puoi risparmiare sulla musica!

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

Tatyana Tarasova / Foto: © Steve Russell / Collaboratore / Toronto Star / Gettyimages.ru

“ORA NEI CONCORSI PUOI ASCOLTARE DIVERSI GENERI MUSICALI CHE PRIMA EVITAVI”

– Quale accompagnamento musicale ai programmi di pattinaggio artistico degli ultimi anni ti ha colpito di più? Cosa non ti è piaciuto?

– Mi è piaciuto il programma di Alina Zagitova sulla musica del balletto Don Chisciotte. È stato possibile renderlo il più vicino possibile a salti e altri elementi. Tutti gli accenti semantici della musica coincidevano miracolosamente con i movimenti, e ciò che raramente si raggiungeva era la completa unità del pattinatore artistico con la musica.

Alle ultime Olimpiadi mi è piaciuto molto il programma di Nathan Chen sulla musica delle canzoni di Elton John. Tutto è stato fatto in modo molto competente e prudente, anche con la musica. Nathan è stato in grado di saltare tutti i quadricipiti e mostrarsi al meglio come brillante ballerino. Posso prevedere che ora ci saranno molti programmi diversi con le canzoni di Elton John. In precedenza, venivano bypassati.

Sfortunatamente, ora c’è una grande tendenza a prendere musica che “non si intromette”. Cioè, non richiede una coreografia specifica, senza trama e la coincidenza di frasi o accenti musicali con elementi del programma. La musica suona separatamente e il pattinaggio separatamente. Non è interessante. È qui che perdiamo il nostro caro pubblico. Pertanto, vorrei che i giudici prestassero maggiore attenzione a tali programmi.

– Una giovane coreografa Nikita Mikhailov una volta mi ha detto una frase curiosa: “Ora c’è una tale tendenza: pubblicano poche nuove colonne sonore adatte al pattinaggio artistico. Cioè, è proprio la musica “skating” che manca. Penso che dopo qualche tempo, se la popolarità del nostro sport continua a crescere, i compositori inizieranno a scrivere musica appositamente per i pattinatori. Almeno i migliori atleti potranno permettersi tali ordini. Siete d’accordo con questa valutazione della situazione? Qual è la particolarità della musica “skating”?

“IL PROGRAMMA DON CHISCIOTTE È STATO AVVICINATO AI SALTI E AGLI ELEMENTI.” TARASOVA SULLA MUSICA NEL PATTINO DI FIGURA

Nikita Mikhailov / Foto: © RIA Novosti / Alexander Vilf

– Non sono d’accordo con il coreografo alle prime armi. La musica è sempre stata difficile da trovare, ci vuole molto tempo e pazienza. Ora alle competizioni puoi ascoltare diversi generi musicali che prima erano evitati, ma ora vengono usati con forza e forza, e questo è molto buono. Ciò significa che la cerchia della ricerca musicale si sta espandendo in modo significativo. Inoltre, ogni anno vengono pubblicate molte nuove canzoni. Ascoltarli e scegliere qualcosa che valga la pena per noi è un processo lungo.

È difficile far fronte a questa questione da soli, e quindi sono necessari assistenti competenti che sappiano come, dove e che tipo di musica cercare, cosa offrire. Senza la loro partecipazione, conoscenza e opportunità, può sembrare che tutti siano già stati ascoltati e non ci sia più niente. Adesso è un tale momento, un tale livello di allenamento degli atleti che puoi mettere programmi su quasi tutta la musica, se corrisponde alle capacità tecniche ed espressive dei pattinatori. Ampio spazio per la creatività per coreografi e allenatori! E quelli che non vogliono cercare si lamentano, copiano qualcuno o ripetono tutto vecchio.

Per comporre nuova musica per gli skater, hai bisogno di un budget abbastanza elevato. Da dove prenderlo? Il nostro sport è così costoso! Inoltre, non tutti i compositori saranno in grado di comprendere le nostre specificità. E se i soldi vengono trovati, è comunque un’impresa molto rischiosa. E se, alla fine, il risultato non ti piace? Ricominciare da zero? Ma certo che puoi provare. Devi solo avere un’idea molto chiara del risultato finale e formularlo chiaramente al compositore.

A proposito, il sito Web di Goldstein ha un’enorme quantità di nuova musica interessante appositamente selezionata per il pattinaggio artistico. Cercarlo è facilissimo: è già tutto suddiviso per argomenti. Sono stato persino sorpreso che tu possa inviare la tua musica finita al sito per la verifica e ottenere gratuitamente un’analisi musicale e tecnica completa del programma. Alik sa creare musica originale, e il suo grande vantaggio è che non gli piace ripetersi, va sempre avanti.

– Qual è il tuo ultimo consiglio sulla musica per lettori e atleti?

– Prova cose nuove se vuoi evitare i sentieri battuti della musica e non vuoi essere paragonato a qualcuno tutto il tempo! Lavora con musicisti professionisti e non sprecare il tuo tempo in cose amatoriali – indipendenti o di qualcun altro! Ricorda che la musica deve essere della massima qualità. Questa è la chiave della tua vittoria.